Il BLOG di Paolo Volpe

Costruire una nuova politica per Villafranca d’Asti

Il BLOG di Paolo Volpe header image 2

la Valtriversa risponde sulla protezione civile

15 giugno 2008 · Nessun commento

LE GENERICHE RISPOSTE DELLA COMUNITA’ COLLINARE

Avevamo promesso di darvi conto se ci fosse stata la risposta della Comunità collinare Valtriversa alle nostre interrogazioni su protezione civile e rifiuti (vedi l’articolo del 26 maggio 2008).  Sul primo argomento una replica è arrivata, sul secondo no. Come ci aspettavamo, la lettera che la Valtriversa ha finalmente mandato a Legambiente, che pubblichiamo di seguito, formula generiche buone intenzioni ma senza impegni concreti. Dice che non avevano capito, che comunque l’organizzazione di incontri informativi su emergenze ambientali non è nei compiti istituzionali dell’ente  e comunque adesso sono disponibili. Ci auguriamo che Legambiente raccolga questa apertura e formuli al più presto proposte per incontri con la popolazione mirati a spiegare cosa fare in situazioni di emergenza. Formare le persone è utilissimo. I motivi ci sono. La richiesta di Legambiente nasceva dal passaggio sul nostro territorio di treni carichi di scorie nucleari. Più semplicemente, anche i danni provocati in più luoghi dalle recenti insistenti pioggie dimostrano che le situazioni di pericolo, con questo clima instabile, possono presentarsi in tanti momenti.  Aspettarsi iniziative da questa Valtriversa, crediamo sia del tutto inutile. Non ha alcuna idea. I nove Comuni che la compongono non sono nemmeno stati capaci di organizzare insieme il piano della protezione civile: un obbligo di legge. Nessuna volontà politica di lavorare uniti? Crediamo sia così. I rapporti interni sono ormai logorati da tempo e questo si vede. Crediamo che protezione civile per  i Comuni debba significare organizzare insieme le risorse che già ci sono (strutture, uomini – dipendenti e volontari – macchinari e mezzi) per metterle in grado di funzionare in modo coordinato e fare la loro parte su piccole e grandi emergenze. Questo deve essere l’obiettivo. Non pensare che il problema si esaurisca scrivendo, anche solo a livello di singolo Comune, regolamenti che poi rimangono esercizi di teoria e restano nel cassetto perché nessuno sa di chi è la responsabilità di decidere, chi deve operare, cosa deve fare e quando farlo.

Clicca qui sotto per leggere la risposta della Comunità:

la risposta della Valtriversa sulla protezione civile

 

Tag: politica · Valtriversa

Nessun commento ↓

  • Non ci sono ancora commenti ...sentiti libero di lasciare il tuo.

Lascia un commento