Il BLOG di Paolo Volpe

Costruire una nuova politica per Villafranca d’Asti

Il BLOG di Paolo Volpe header image 2

presentato il libro di Nicoletta Fasano “L’inutile massacro”

10 novembre 2010 · Nessun commento

STORIA

Ho accolto con piacere l’iniziativa comunale di presentare il libro di Nicoletta Fasano “1914 – 1918 L’inutile massacro”, testo che analizza la storia italiana e astigiana nel primo conflitto mondiale vista dalla parte dei soldati,  cioè di quelli che l’hanno materialmente subita. Tra le novità del testo, molta attenzione alle statistiche ed ai numeri, anche per rendere comprensibili al lettore fenomeni spesso trascurati dalla storiografia ufficiale: l’età dei caduti, le cause di morte, i prigionieri, lo sviluppo industriale causato dal conflitto, l’impreparazione e l’inconsapevolezza delle reclute. Allegato al libro anche il paziente censimento dei 4640 caduti astigiani. La Fasano è una ricercatrice dell’Istituto per la storia della resistenza di Asti ed è autrice di diversi libri.  Ho accolto con piacere l’iniziativa perché è la prima volta che il Comune da spazio alla cultura e all’analisi storica in occasione di ricorrenze civili, come il 4 novembre, che purtroppo sono diventate per tanti vuoti rituali. Ho più volte sollecitato in passato che si mettesse attenzione in tal senso. Come gruppo consigliare di opposizione, nella precedente amministrazione di cui Cavalla era vicesindaco, ci eravamo anche opposti, con successo, al tentativo, sbagliato, di far uscire Villafranca dall’Istituto storico per la resistenza.

Ancora una nota. La presentazione si è svolta sabato mattina, 6 novembre 2010, in sala Virano. Peccato che buona parte del tempo sia stato occupato dai saluti ufficiali e dalla presentazione di un altro libro, “Monte Piana 1915 – 1917″ di Mario Spada, docente di storia militare presso l’università di Torino, che ha fatto una relazione  molto dettagliata, fin troppo, delle azioni militari che si sono svolte su quella particolare vetta delle Dolomiti. Avendo poco tempo a disposizione, la Fasano è stata costretta a “correre” per sintetizzare il suo intervento. La mostra fotografica dell’Israt, allestita a corredo dell’iniziativa, era la stessa già esposta a novembre 2008 quando, per iniziativa mia, di Angelo e Mario Benotto, venne fatta la proiezione pubblica del documentario “La guerra in Valtriversa”, da noi realizzato. Già in quell’occasione l’Israt aveva collaborato con noi, semplici cittadini, fornendoci materiale e dandoci la disponibilità della stessa Fasano e di Mario Renosio per due interventi durante la serata della proiezione.

 

Tag: cultura · politica

Nessun commento ↓

  • Non ci sono ancora commenti ...sentiti libero di lasciare il tuo.

Lascia un commento