Il BLOG di Paolo Volpe

Costruire una nuova politica per Villafranca d’Asti

Il BLOG di Paolo Volpe header image 2

il personale del Santanera salva un anziano

27 aprile 2011 · Nessun commento

PENSARCI

Un fatto di cronaca con finale speriamo positivo. E’ il giorno di Pasqua. Le cuoche della casa di riposo Santanera si accorgono che Vittorio Bonino, pensionato di 82 anni, residente in via Roma, vedovo, uno dei tanti che abita da solo, da due giorni non si reca piu’ all’istituto per consumare il pranzo e la cena. “E’ un tipo preciso” pensano. “Quando non viene lo dice”. Avvertono la direttrice, Miranda Lionello, che tutti conoscono come Bruna, la quale a sua volta informa il presidente Carlo Binello. Al Santanera nei giorni di festa si mangia il pranzo alle 11,30. Sono da poco passate le 12. Direttrice e presidente decidono di recarsi a casa del Bonino. I vicini  dicono di non averlo visto. Uno ha la chiave di casa. Si fanno aprire la porta di casa. Lo trovano sul letto. E’ in condizioni che appaiono critiche. Chiamano subito l’ambulanza del 118 e avvertono una parente. Nel giro di un’ora, il Bonino viene trasportato in ospedale ad Asti. Se ce la fara’, e credo di interpretare il pensiero di tutti se dico che glielo auguriamo di cuore, lo dovra’ al personale del Santanera che si e’ posto il problema di non averlo visto ed e’ andato a cercarlo. Non ha fatto finta di niente. Ci ha pensato. Dobbiamo dire grazie a quel personale. Ci ha dato una semplice ma molto forte lezione di umanita’ e di senso civico. E’ cosi’ che si fa comunita’. Ci si preoccupa per gli altri e per quello che ci succede intorno. Senza guardare a comodita’ e convenienze spicciole.

IL SANTANERA AL CENTRO DELLE POLITICHE PER GLI ANZIANI

Quanto e’ capitato ci deve far ricordare che ci sono piu’ di 200 villafranchesi anziani che vivono soli, dei quali non conosciamo situazione ed esigenze. Tutti quelli che vivono soli corrono rischi di malori, incidenti domestici, incapacita’ di provvedere ai bisogni quotidiani, malattie, carenze nelle cure mediche e nell’assunzione di medicinali, esposizione a truffe e rapine da parte di malviventi. Gli anziani soli sono destinati ad aumentare. Le famiglie sono sempre piu’ piccole. Si disgregano con facilita’. I figli, quando ci sono, magari lavorano lontani. Fare sociale vuol dire anche costruire una rete di solidarieta’ a favore di chi e’ solo. E’ un dovere della pubblica amministrazione. Penso in particolare al Comune. Mi sembra gia’ di sentire la critica di qualcuno: e’ facile parlare quando si sta all’opposizione. Io credo che chi vuole governare deve avere idee e la voglia di provare a metterle in pratica. Non ambizioni di poltrona perche’ porta il bel cognome e crede che così gli spetti di diritto governare. Se non ha idee, dovrebbe starsene a casa. Farebbe di sicuro meno danni. Come gruppo “Villafranca Domani”, noi abbiamo sempre sostenuto che il Santanera deve diventare il centro delle politiche verso gli anziani nel nostro paese e anche nella Valtriversa. Cosa si puo’ fare verso chi vive solo? Prima di tutto conoscerne la situazione. Con la collaborazione del Comune e magari del Cogesa, andare a casa di tutti gli anziani soli e verificare le loro necessità. Non bisogna aspettare che vengano loro. Gli anziani non sono portati a chiedere. Non osano. Con il coinvolgimento del volontariato, penso ad un monitoraggio organizzato nel tempo. In questo modo potrebbe essere diffuso il servizio dei pasti a domicilio, che conoscono in pochi. Potrebbe essere organizzata un’assistenza a casa, con persone preparate e non improvvisate, di cui c’e’ sempre piu’ bisogno. Come ho gia’ detto in piu’ occasioni, servirebbero anche mini alloggi integrati con il Santanera per soddisfare chi vuole mantenere comunque un po’ di indipendenza ma vuole la sicurezza della casa di riposo vicino. Il Comune ha il compito di scegliere le politiche generali per gli anziani e di dare alle stesse il sostegno possibile in termine di mezzi. Il Santanera puo’ essere il braccio operativo. A questo noi siamo disposti a dare tutta la nostra collaborazione e il nostro sostegno di gruppo politico. Su un piano di parita’ e con trasparenza.

Tag: politica · sociale

Nessun commento ↓

  • Non ci sono ancora commenti ...sentiti libero di lasciare il tuo.

Lascia un commento