Il BLOG di Paolo Volpe

Costruire una nuova politica per Villafranca d’Asti

Il BLOG di Paolo Volpe header image 2

municipi: serve una riorganizzazione del personale da fare in Valtriversa

19 agosto 2013 · Nessun commento

USARE LE RISORSE CHE CI SONO

Ci sono le ferie. E meno male. Ma chiudere diversi uffici comunali perché il personale è in vacanza o in riposo non lo trovo giusto. È ancora successo alcuni sabati fa a Villafranca. Ma era già capitato in passato. Mi chiedo se qualcuno controlli i turni e verifichi che la disponibilità di personale non scenda oltre un livello di guardia, come si fa in ogni azienda privata che funzioni, prendendo i necessari provvedimenti per risolvere gli eventuali problemi. Credo di no. Come gruppo “Villafranca Domani” lo abbiamo chiesto all’amministrazione comunale, ottenendo una risposta abbastanza evasiva, tesa a minimizzare il problema da noi sollevato. Noi proponiamo una diversa organizzazione fatta nel contesto unico della Valtriversa ma l’amministrazione villafranchese, come sappiamo, non crede nel futuro dell’Unione.  Anche sul dialogo serio con il personale non sembra che l’attuale giunta si spenda molto.

personale: l’interrogazione presentata da “Villafranca Domani”

la risposta dell’amministrazione comunale

IL PERSONALE E’ UN INVESTIMENTO

Il personale è il più grande investimento di ogni azienda. Non è solo un costo da tagliare, come viene considerato in troppe situazioni, sia nel privato, sia nel pubblico. Il Comune è un’azienda che produce servizi per tutti. In un momento di crisi come questo, il Comune è fondamentale per governare il territorio in tutte le sue necessità. Non solo per fare la festa o mettere la luce davanti a casa. Fare più servizi e farli migliori dipende in primo luogo dal buon utilizzo dei dipendenti e dal grado di coinvolgimento che chi comanda riesce a trasmettere loro.  Il buon utilizzo si fa attraverso una scelta appropriata degli obiettivi e dell’organizzazione: oggi i nostri municipi che conosciamo da sempre non sono più adatti. Sono strutture sovente anti economiche, pensate in momenti storici dove spesso mancavano la capacità e la voglia di valutare se i costi portavano ad adeguati benefici e fatte per far governare la burocrazia. Strutture nate in una società statica, dove persone e informazioni non si muovevano e tutto poteva procedere lentamente. Bisogna lavorare per dei cambiamenti. Abbiamo già perso troppo tempo.

LE NOSTRE PROPOSTE

Abbiamo troppi Comuni che sono troppo piccoli? Fondiamoli e facciamoli diventare più grandi. Ci sono più impegni? Mettiamo insieme il personale in squadre che abbiano la capacità di produrre più risultati. Consideriamo la dirigenza per il valore aggiunto che sa dare, senza rendite di posizione.  Noi di “Villafranca Domani” abbiamo chiesto il Comune unico della Valtriversa o, almeno, un’Unione che sappia funzionare con vera efficienza, capace di fare politiche per tutta la zona. Vogliamo evitare le perdite di tempo al cittadino, che sono una tassa occulta a danno di tutti? Usiamo al meglio i vantaggi di internet. Molte persone che lavorano hanno orari che impediscono di andare fisicamente in municipio: diamo loro la possibilità di fare tutte le pratiche via web a qualsiasi ora. Voi direte: ci sono anche quelli che su internet non sanno andarci. È giusto. Qui serve riorganizzare i dipendenti creando lo “sportello” per il pubblico: un gruppo sufficiente a garantirne l’apertura dal lunedì al sabato,  ferie comprese e con una conoscenza di base in tutti i settori della vita comunale. Se questa conoscenza non c’è, va creata con un’apposita formazione. Lo sportello dovrebbe fare la normale attività non specialistica, fornire le risposte principali, accettare le pratiche presentate. In un Comune grande, frutto della fusione, non troverei nulla di male che le persone anziane o quelle più in difficoltà venissero servite anche a domicilio. Costerebbe meno che mantenere tanti municipi aperti e farebbe fare alla pubblica amministrazione una figura migliore: il Comune viene a casa tua e non ti costringe a muoverti.

LAVORARE PER OBIETTIVI

Stabilire gli obiettivi dei dipendenti, cioé quella parte di lavoro al quale è legata la loro retribuzione variabile, a luglio o agosto, cioé ad anno abbondantemente inoltrato,  indica una scarsa capacità gestionale. A Villafranca succede ogni anno. In azienda si fanno a gennaio. Sarà fatale avere risultati di modesta portata per il Comune o usare il mancato raggiungimento degli obiettivi come sistema per tagliare la retribuzione, con evidenti riflessi sulla motivazione dei dipendenti che già si trovano da anni il contratto di lavoro bloccato a livello nazionale.
Una buona organizzazione passa anche attraverso il coordinamento del lavoro tra i vari settori del Comune. Non datelo per scontato: spesso non ci si parla con il proprio vicino di scrivania o il vicino di stanza. Succede anche nel privato.

Le scelte sono compito e responsabilità della politica che deve essere preparata, aggiornata e credibile, non improvvisata o, peggio, fatta da persone che curano i loro interessi personali. Alla struttura spetta il compito di eseguirle.

Tag: economia · politica · Valtriversa

Nessun commento ↓

  • Non ci sono ancora commenti ...sentiti libero di lasciare il tuo.

Lascia un commento