Il BLOG di Paolo Volpe

Costruire una nuova politica per Villafranca d’Asti

Il BLOG di Paolo Volpe header image 2

i vigili sono rimasti due

1 maggio 2019 · Nessun commento

LA SICUREZZA DIMENTICATA?

Lo sapevate che i vigili rimasti in servizio sono solo due?  Il corpo dei vigili della Valtriversa si è dimezzato. In origine, erano quattro. Un trasferimento ad Asti e una maternità li hanno ridotti. Il problema riguarda Villafranca? Si. Anche se l’amministrazione comunale ha rotto con la Valtriversa, il Comune “acquista” il servizio dei vigili in base ad una apposita convenzione. Un atto complicato ed inadeguato a gestire un servizio che per sua natura deve essere flessibile. Erano già pochi e sono ancora meno. Visto che il loro lavoro è stato venduto anche a Villanova e ad alcuni altri Comuni, è logico pensare che, nonostante la sicura buona volontà degli operatori, il servizio non possa più essere quello programmato. C’è da chiedersi quali difficoltà abbiano dovuto affrontare in questi anni. Probabilmente, tante. Che fine ha fatto la “sicurezza” che gli amministratori hanno sempre vantato? E’ stata dimenticata? Gli amministratori ci hanno pensato per tempo? Se lo hanno fatto, non sono stati capaci di trovare una soluzione. Ci hanno detto che ne stanno parlando. Tra le ipotesi che si farebbero, ci sarebbe dal tornare indietro di vent’anni con il Comune che si riprenderebbe i suoi vigili fino all’evoluzione di un corpo di vigili unico con Villanova. Ipotesi molto diverse e molto distanti che fanno dubitare sui reali obiettivi. Nulla fino ad ora risulta deciso. Nulla verrà deciso visto che fra un mese si vota. Se ne riparlerà dopo le elezioni  del 26 maggio. Tornare ai vigili del Comune sarebbe buttare via l’esperienza di questi anni: l’unica di un servizio unito a livello di zona. I vigili sono sempre stati visti come un problema economico, già nella stessa Valtriversa dove, da solo, votavo contro la scelta di vendere il loro lavoro ad altri paesi. Mentre l’amministrazione villafranchese votava a favore. Gli amministratori dovrebbero considerare i vigili un presidio di legalità. Indispensabile nei nostri piccoli paesi che hanno strutture deboli. Un occhio attento a quello che capita, con la capacità di fare prevenzione contro le attività illegali e gli abusi. In collaborazione con le altre forze di polizia, la protezione civile e i cittadini. Un supporto fondamentale per gli amministratori nelle scelte politiche. Una telecamera non farà mai un tale lavoro. Può essere un mezzo utile per sapere cosa è successo dopo che un problema è avvenuto. Può anche avere un positivo effetto dissuasivo. Ma non sostituirà mai la competenza e la sensibilità nel lavoro di una persona formata e capace. Bene che se ne mettano altre grazie al progetto preparato dall’ufficio tecnico comunale.  Ma preoccuparsi della sicurezza dei cittadini vuol dire tener conto di diversi altri aspetti. Sono anni che lo chiediamo. Esiste o no la volontà di gestire i servizi  insieme agli altri Comuni della zona? In primo luogo, insieme a quelli della Valtriversa. Esiste o no la volontà di costruire un progetto sicurezza inteso come una priorità di zona, insieme agli altri paesi?  Fare scelte insieme non significa cambiare il nome sulla carta intestata e chiamarsi Unione invece che Comune. Significa prendere decisioni omogenee per un territorio più ampio, che superi i confini comunali, tenendo conto delle esigenze complessive e guardando al futuro. Non al vantaggio immediato. La sicurezza non si ferma ai confini del paese. Vale per tutti. Villafranca ha rotto con la Valtriversa per creare una piccola Unione con Baldichieri che non ha prodotto risultati significativi in tal senso, dimostrando di non avere una visione di lungo periodo. Perché? L’amministrazione uscente non ha mai creduto nell’Unione e nell’utilità di essere più grandi. Per fare più cose, magari ad un costo più basso, e contare di più almeno a livello provinciale.  Ha preferito chiudersi nel piccolo. La scelta meno faticosa. Chi si candiderà alle elezioni continuerà l’attuale modo di fare o vorrà cambiare?

Tag: politica · sicurezza · Unione "Colli del Monferrato" · Valtriversa

Nessun commento ↓

  • Non ci sono ancora commenti ...sentiti libero di lasciare il tuo.

Lascia un commento