Il BLOG di Paolo Volpe

Costruire una nuova politica per Villafranca d’Asti

Il BLOG di Paolo Volpe header image 2

ecco il progetto della nuova casa di riposo Santanera. Nella seconda metà di luglio, il consiglio comunale dovrà esprimersi sull’approvazione definitiva del piano di recupero

23 giugno 2019 · Nessun commento

COME POTREBBE CAMBIARE IL SANTANERA

La casa di riposo Santanera vuole ampliarsi. Proviamo a vedere in che modo.
la casa di riposo Santanera vista da via Daffara

la casa di riposo Santanera vista da via Daffara

Innanzi tutto, dove? Usando i fabbricati ex Venturello, adiacenti al Santanera. Sono stati acquistati dall’istituto nel 2007 e da allora sono rimasti in completo abbandono. Dopo tanti anni di colpevole ritardo, il consiglio di amministrazione ha approvato il progetto preparato dagli architetti Fabio Musso e Gianluca Carelli. I fabbricati attuali verrebbero completamente demoliti.
i fabbricati ex Venturello, visti da via Roma. Questi edifici sono stati acquistati dalla casa di riposo Santanera. 15 anni fa

i fabbricati ex Venturello, visti da via Roma. Questi edifici sono stati acquistati dalla casa di riposo Santanera 12 anni fa e da allora sono rimasti inutilizzati

Cosa dovrebbe sorgere? Cliccate sui link qui sotto per vedere le principali tavole del progetto.

Tavola 02 planimetria dell’intervento

Tavola 04 prospetti e sezioni

Tavola 05 disposizione dei piani

 

la relazione illustrativa

Cosa ci sarà in più? I posti letto passeranno da 40 a 86. I nuovi posti saranno tutti per non autosufficienti, una parte dei quali dovrebbero essere destinati a persone disabili, in modo da ampliare le tipologie di ospiti che potranno essere accolti. La costruzione sarà su quattro piani. Se guardate i progetti, noterete subito un distacco estetico con la sede attuale della casa di riposo. Una linea più moderna ma sobria, in modo da adattarsi alla zona. I materiali e le tipologie costruttive dovrebbe consentire un buon livello di autonomia energetica, con i conseguenti risparmi sui costi. Nel complesso, l’ampliamento aumenterà la superficie utilizzabile di 2000 metri quadrati. Ci saranno nuove aree a verde per gli ospiti, oggi molto contenute. Sul lato verso via Roma ci sarà un arretramento della costruzione, con la creazione di sei posti auto per parcheggi. L’accesso pedonale alla casa di riposo non sarà più quello attuale ma verrà spostato nella parte nuova, proprio. Chi entrerà, troverà un accogliente salone e gli spazi destinati all’amministrazione e alla direzione. Dalla lato del Valentino, ci sarà un accesso carraio, utile per i fornitori, le attività di servizio ed i mezzi di soccorso. Verrà installato un secondo ascensore montalettighe. Sul lato verso la ferrovia, ci sarà una scala di emergenza esterna in metallo e protetta.
Anche l’edificio esistente sarà interessato dai lavori. Verranno rivisti gli spazi comuni per superare i limiti di una struttura il cui impianto originario ha oltre un secolo e dove le ristrutturazioni fatte nel tempo non hanno curato una adeguata funzionalità.
Il progetto del piano di recupero è stato approvato dal consiglio comunale nella seduta del 16 aprile 2019. Dovrà tornare in discussione una seconda volta. Il consiglio sarà chiamato ad esprimersi sulle eventuali osservazioni, che potranno essere presentate fino al 15 luglio prossimo da chiunque, e sull’approvazione definitiva.
———————
Un buon progetto. Con soluzioni innovative e di qualità, che dovranno essere realizzate con cura. Un progetto con una visione di lungo periodo. Non pensato per tamponare qualche problema immediato. Fin dall’acquisto dei fabbricati ex Venturello, il nostro gruppo lo ha richiesto, operando perché prendesse forma. L’opera, se realizzata, porterà ad una ventina di nuovi posti di lavoro. Quanto fatto, è un primo risultato ottenuto anche grazie all’attenzione posta da Alfredo Castaldo, consigliere di amministrazione da noi designato quando eravamo gruppo di opposizione in consiglio comunale. I troppi anni di ritardo accumulati presenteranno il conto? Si. Complici i troppi tagli al sociale, oggi la Regione non sostiene più questo genere di costruzioni, come capitava in passato. Il Santanera dovrà trovare in proprio le risorse necessarie: circa 3 milioni di euro. Di chi è la responsabilità? Per me, delle amministrazioni comunali degli anni duemila, che hanno sempre considerato la casa di riposo un peso da evitare, cercando di consegnarla ai privati,  senza tenere in alcun conto l’interesse pubblico e le scelte sociali a favore degli anziani. Vedremo se la nuova amministrazione saprà dare un taglio netto con il passato e sostenere il progetto con scelte concrete, sia di indirizzo, sia di risorse. Noi abbiamo sempre chiesto che si torni alla gestione diretta, con il personale alle dipendenze dell’ente, togliendo di mezzo l’intermediazione delle cooperative che è solo un costo aggiuntivo. Riteniamo che l’investimento non possa essere visto solo come un’operazione edilizia. Sarà  fondamentale dare al Santanera il ruolo di centro delle attività e delle politiche per l’anziano e per le persone che necessitano di servizi socio sanitari. Bisognerà progettare un’offerta di servizi più diversificata rispetto all’attuale. I disabili, in primo luogo, in quanto posti letto che potranno ancora avvantaggiarsi del sostegno derivato dalle convenzioni con la Regione. Servizi a domicilio per intercettare quei bisogni di cittadini che preferiscono rimanere a casa ma hanno bisogno di essere aiutati. Qualche mini alloggio per persone che vogliono conservare una certa indipendenza ma preferiscono sentirsi più sicuri, utilizzando alcune attività della casa di riposo. Servizi ambulatoriali e medici aperti a tutta la popolazione, magari con un adeguato coordinamento con la “casa della salute”. Un centro diurno che faccia attività di animazione seria, aperte anche a chi non vive in casa di riposo. Una flessibilità della struttura che consenta di sperimentare le scelte. Quanti vantaggi avremmo potuto avere se proprio la “casa della salute” fosse stata pensata in modo integrato con il Santanera. Noi lo proponemmo nel 2006 ma la nostra richiesta venne bocciata dall’allora amministrazione comunale. Senza nemmeno una valutazione nel merito. Probabilmente, avremmo risparmiato soldi pubblici ed evitato di impoverire e degradare ancora di più il centro del paese. Con i se e con i ma non si fa la storia. Però è bene non dimenticare. Mi auguro che il Santanera non venga lasciato solo. Per realizzare questo importante obiettivo serve il sostegno di tutti. A partire da quello di Comuni e Unioni. Villafranca dovrà dimostrare di esserci. Bene che il nuovo sindaco abbia messo nel suo programma un sostegno per gli anziani che non possono pagare la retta. Un buon proposito che Cavalla non aveva mai attuato. Ma non basta. Serviranno aiuti strutturali. Quanti e come bisognerà contrattarli. A partire dalla verifica di chi ci starà. Di chi saprà passare dalle generiche e scontate parole di attenzione al sociale ai fatti.

Tag: politica · sociale · Unione "Colli del Monferrato" · Valtriversa

Nessun commento ↓

  • Non ci sono ancora commenti ...sentiti libero di lasciare il tuo.

Lascia un commento